Il Capodanno meridionale degli Skunk Anansie

Rate this item
(0 votes)

La band londinese conquista Cosenza in uno dei pochi veglioni di San Silvestro menzionati dai media nazionali. Rock ed energia nella terra delle tarantelle

Forse non sono più quelli di una volta e, a dispetto della riverniciata dell’ultimo Anarchytecture (2016), il loro sound risulta un po’ datato.

Tuttavia, i britannici Skunk Anansie hanno ancora molto da dire, soprattutto dal vivo. E lo hanno provato a Cosenza, con il concerto di San Silvestro.

Sì, il tempo passa per tutti, e la cinquantenne Skin si è piuttosto contenuta nel look: t-shirt, pantaloni da ginnastica, neppure troppo attillati, e una specie di giacca a vento bianca. Nulla a che vedere coi coté un po’ fetish degli anni ’90. Ma la voce è quella di sempre, acutissima fino allo stridore, più estesa che potente, tutta giocata sul particolare falsetto che ha resa celebre l’ex interior designer londinese.

Gli altri non sono stati da meno: il chitarrista Martin Kent, che porta qualche segno degli anni nel fisico, si è divertito a sciorinare i suoi riff duri-ma-non-troppo eseguiti con grande pulizia e si è concesso, qui e lì, qualche assolo; quadrato e fantasioso come sempre il bassista Cass, al secolo Richard Keith Lewis, forse il membro più dotato della band; potentissimo il batterista Mark Richardson, quasi a voler ribadire il legame tra il sound degli Skunk e il metal.

Loro sono stati quelli di sempre: precisi, tosti e duri quel che basta. E la scaletta? Non ha brillato, né poteva, per originalità: è quella del tour del 2016, con qualche brano in meno. Ad esempio, i bis: due - Hedonism (Just Because You Feel Good) e Secretly - anziché quattro. Il resto del set è un mix dei brani di Anarchytecture e i classici della loro poco più che ventennale carriera (Charlie big Potato e Follow Me Down).

Pubblico entusiasta e, soprattutto, niente calca, se non sotto il palco, grazie anche alla scelta degli organizzatori di distribuire alcuni maxischermi lungo il corso principale della città.

Per Cosenza, una città di poco meno di 70mila abitanti d’anagrafe, la presenza della band albionica è stata quel che si dice un evento, che, va detto, ha funzionato: menzioni nei media nazionali, presenze comunque stimate nelle decine di migliaia e organizzazione impeccabile. Un doppio segnale: da un lato, questo Capodanno cosentino può essere considerato un tentativo di risveglio delle città di provincia del Sud profondo; dall’altro, l’ennesimo tentativo, provinciale anch’esso, di emulare la rana che voleva imitare il bue.

Detto questo, anche San Silvestro è passato, con l’augurio che sia l’auspicio di un anno più rock, anche nel cuore dell’Italia più mediterranea.

 

 

L'IndYgesto usa i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.